Chi Siamo

Eventi

News

Progetti

Le nostre creazioni

 

OrangeTeam LUG

Un gruppo di appassionati di costruzioni in mattoncini LEGO®, il primo LUG riconosciuto in Toscana

CONTATTACI

News Blog

Anteprime, curiosità dal mondo LEGO® by OTLUG
Mercoledì, 31 Marzo 2021 10:20

LEGO FOUNDATION COLLABORA CON LA ONLUS PLAY INCLUDED™ PER RINNOVARE IL PROGRAMMA BRICK-by-BRICK™

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
LEGO FOUNDATION COLLABORA CON LA ONLUS PLAY INCLUDED™ PER RINNOVARE IL PROGRAMMA BRICK-by-BRICK™ LEGO@ Group

Ispirata dalle storie dei bambini autistici e dei loro genitori, LEGO Foundation si unisce a Play Included™ per rinnovare il programma 'Brick-by-Brick™. ' e aiutare i bambini e i giovani che possono trarre beneficio dallo sviluppo della comunicazione sociale ad aumentare il loro benessere emotivo

 

LEGO FOUNDATION COLLABORA CON LA ONLUS PLAY INCLUDED™ C.I.C. PER RENDERE IL SUO SISTEMA DI APPRENDIMENTO ATTRAVERSO IL GIOCO ANCORA PIÙ ACCESSIBILE PER I BAMBINI NEURODIVERSI

Billund, 31 marzo 2021 - In occasione della Giornata Mondiale per la Consapevolezza sull'Autismo del 2 aprile, LEGO Foundation annuncia il suo sostegno a Play Included™ C.I.C., un’impresa sociale con sede nel Regno Unito, dedicata alla formazione di insegnanti e psicologi all’utilizzo del gioco LEGO® a fini terapeutici, nell’ambito del programma di successo Brick-by-Brick. La partnership si basa sulla convinzione condivisa che tutti i bambini dovrebbero avere le stesse opportunità nella vita per sviluppare l’ampia serie di competenze necessarie per affermarsi nel 21° secolo, tra cui le abilità di comunicazione sociale. LEGO Foundation e Play Included riconoscono e valorizzano i talenti unici dei bambini autistici e vogliono contribuire a sostenerli attraverso la partnership. Insieme, renderanno ancora più accessibile il sistema di apprendimento attraverso il gioco Brick-by-Brick, raggiungendo più bambini e ragazzi dai 5 ai 18 anni che possano beneficiarne.

 

Il programma Brick-by-Brick riunisce i bambini attraverso l’interesse condiviso per il gioco LEGO, in ambienti di gruppo che i bambini chiamano Brick Club. Nei Brick Club, lavorano insieme per costruire specifici modelli LEGO o progettano e costruiscono le proprie creazioni LEGO a stile libero, riuniti in piccole squadre. Faranno a turno per assimilare i diversi ruoli del processo di costruzione, fino a quando il modello è completo: ad esempio, gruppi di tre saranno divisi in un ingegnere che dà le istruzioni, un fornitore che trova i mattoncini pertinenti, e un costruttore che mette insieme i pezzi. Dal momento che i bambini autistici possono aver bisogno di ulteriore supporto per la comunicazione sociale, il programma Brick-by-Brick può aiutare a rendere le interazioni più significative e coinvolgenti attraverso ruoli, regole e attività chiare. Costruendo e giocando insieme i bambini collaborano, comunicano, negoziano e risolvono problemi, sviluppando amicizie e creando opportunità sociali durante il percorso, in un ambiente sicuro e divertente, guidati da adulti che hanno seguito una formazione completa nella facilitazione dell’apprendimento ludico.

 

La dottoressa Gina Gomez de la Cuesta, fondatrice e direttrice di Play Included, racconta: “A Play Included abbiamo lavorato su una metodologia basata sui dati emersi dal programma Brick-by-Brick fin dal 2004.. Esistono diverse ragioni per cui i bambini potrebbero avere difficoltà con le relazioni sociali. Vogliamo aiutare più bambini neurodiversi di tutto il mondo a fare amicizia e a sentire un senso di appartenenza e connessione. Siamo lieti di collaborare con LEGO Foundation e abbiamo tanti piani entusiasmanti per i prossimi due anni, come il rinnovamento del programma Brick-by-Brick e la creazione di una comunità di pratica e nuovi strumenti per monitorare i progressi, per citarne solo alcuni. Condividendo le migliori pratiche, stimolando la ricerca e offrendo risorse e formazione di alta qualità, speriamo di aiutare quanti più giovani possibile che potrebbero beneficiare di questo programma divertente, coinvolgente ed efficace”.

Sfruttando gli strumenti e le strutture della LEGO Foundation e creando nuove attività per la casa, la partnership vedrà il programma Brick-by-Brick implementato con una maggiore enfasi sul contenuto, e una maggiore facilitazione dell’apprendimento ludico. Verranno anche condotti degli studi per esplorare come questo concetto di apprendimento attraverso il gioco possa avere un impatto positivo sulla vita dei bambini con altre condizioni, come l’ADHD, l’ansia o coloro che hanno affrontato esperienze di vita ostili. Insieme ai membri della comunità autistica e ai partner accademici, sarà avviata una nuova ricerca che si concentrerà sull’impatto che il concetto rinnovato sta avendo sui bambini che prendono parte al programma. Infine, una delle principali ambizioni della partnership è quella di estendere il programma a più Paesi, ma al contempo aumentando la sua portata nei Paesi esistenti.

 

Benefici del programma Brick-by-Brick

 

I bambini neurodiversi possono spesso essere fraintesi a causa dei diversi modi di comunicare, ma hanno lo stesso bisogno e desiderio di tutti gli altri bambini: sentirsi compresi, accettati e costruire amicizie significative per raggiungere il loro pieno potenziale e le loro aspirazioni nella vita. I Brick Club danno loro un’opportunità di apprendimento unica e giocosa per avere esperienze sociali positive, connettersi con gli altri su un interesse condiviso, migliorare il benessere emotivo e sviluppare amicizie. Le iniziative ludiche e di supporto sociale come il Brick Club possono anche aiutare a ridurre alcune situazioni negative come l’isolamento sociale e i problemi di salute mentale, e contribuire a costruire una maggiore consapevolezza e accettazione dell’autismo da parte della società.

 

LC Groux-Moreau, adulto autistico e consulente per la UK National Autistic Society, afferma: “Non si tratta solo di aiutare i bambini di oggi, ma gli adulti che diventeranno domani. Lo sviluppo nell’infanzia è un fattore determinante per il benessere sociale ed emotivo di una persona. Questo può a sua volta avere un impatto sulla salute fisica e mentale, così come il successo accademico e le opportunità di lavoro in età adulta”.

Con diversi studi nazionali che dimostrano che il 50-90% dei giovani adulti autistici è disoccupato o gravemente sottoccupato, e tra essi molti sperimentano problemi di salute mentale (ad esempio, nel Regno Unito, l’80% degli adulti autistici sperimenta problemi di salute mentale ad un certo punto della vita, contro il 25% della popolazione generale[1]), non è mai stato così importante sostenere attivamente lo sviluppo socio-emotivo nei bambini autistici.

Il programma Brick-by-Brick si basa sull’idea originale di utilizzare il gioco LEGO con i bambini autistici per sostenere il loro sviluppo emotivo sociale, dato che molti spesso brillano per la loro attenzione ai dettagli e abilità con le costruzioni LEGO. Questa metodologia è conosciuta come LEGO Based Therapy ed è stata sviluppata nel 2004 dal Dr. Dan LeGoff, un neuropsicologo pediatrico statunitense e ora ambasciatore di Play Included. La ricerca sulla LEGO Based Therapy ha mostrato risultati positivi per l’interazione sociale, la comunicazione, il comportamento e il benessere emotivo di bambini e giovani nello spettro autistico.

Ben, bambino autistico di 11 anni, racconta “Il Brick Club mi ha aiutato a imparare a parlare con le persone e a non aver paura di parlare ad alta voce in un gruppo. Al Brick Club ho fatto nuove amicizie e, imparando a partecipare alle conversazioni, ho trovato più facile parlare con i bambini a scuola, andare da solo a fare domande nei negozi e andare sull’autobus con un amico senza essere ansioso. Il Brick Club è fantastico perché mi sento più al sicuro”.

Anche se ogni persona a cui è stato diagnosticato un disturbo dello spettro autistico ha un proprio profilo unico di interessi, punti di forza e bisogni, molti bambini autistici sono attratti dal gioco LEGO, forse perché è molto sistematico e fa appello alla loro attenzione per i modelli e i dettagli. Uno dei benefici riconosciuti del gioco LEGO per i bambini autistici è la coerenza nel modo in cui i mattoncini si inseriscono nel sistema stesso di gioco LEGO. Questa prevedibilità può aiutare i bambini che sperimentano maggiore ansia in situazioni sociali, ad esempio se ci si aspetta che un bambino giochi con qualcuno di nuovo. I molti temi LEGO aiutano anche i bambini a praticare le loro abilità immaginative individualmente o in gruppo, e le istruzioni per questi set si adattano al modo di pensare metodico dell’autismo, permettendo al gioco di essere strutturato e prevedibile, anche all’interno di un ambiente sociale. C’è un numero infinito di creazioni che possono essere fatte e le possibilità sono sconfinate, così ogni volta che si inizia una creazione, c’è il desiderio di svilupparla e renderla più grande e migliore.

Michelle Ndebele, Play and Health Specialist alla LEGO Foundation, afferma: “Il lavoro che Play Included ha fatto con il programma Brick-by-Brick è d’ispirazione, ed è una vera testimonianza della filosofia della LEGO Foundation di ‘Learning-through-Play’. Vale a dire che metodi di insegnamento significativi, iterativi, gioiosi, socialmente interattivi e attivamente coinvolgenti aiutano tutti i bambini a sviluppare abilità essenziali per la vita, come la risoluzione dei problemi, la creatività, la comunicazione e la fiducia; attraverso il modo più potente e intuitivo che conoscono - il gioco. Il programma Brick-by-Brick è anche un concetto inclusivo che permette ai bambini neurotipici di imparare e impegnarsi insieme ai loro coetanei neurodiversi. Dopo tutto, la costruzione di relazioni è a doppio senso. Quindi, abbiamo grandi ambizioni per questo concetto di garantire opportunità di apprendimento più inclusive e giocose e non vediamo l’ora di vedere il programma riportato a più bambini in tutto il mondo".

Entrambe le organizzazioni riconoscono che, come società, abbiamo ancora molta strada da fare per comprendere appieno l’autismo e vedere questa diagnosi in una luce più positiva, riconoscendo come i bambini autistici hanno spesso uno stile di comunicazione naturalmente diverso, tra cui verbale e non verbale, e un modo diverso di socializzare. Questo è il primo di una serie di progetti relativi all’autismo che la LEGO Foundation sosterrà. Attraverso le partnership e l’impegno con la comunità autistica, vogliono contribuire ad aumentare la comprensione e l’accettazione dell’autismo e sfidare lo stigma delle diagnosi di autismo in tutto il mondo.

Formazione rinnovata, guide, nuove risorse del Brick Club e materiali professionali saranno pronti entro la fine del 2021. Inoltre, ci sarà una rinnovata e completamente formalizzata Brick-by-Brick International Community of Practice per permettere ai professionisti di connettersi e condividere idee. Infine, la prima di una serie di attività di gioco a casa per le famiglie, per sostenere la comunicazione, la connessione e la costruzione di relazioni, sono già state sviluppate insieme a consulenti autistici, partner accademici di Play Included e dipendenti LEGO che hanno un legame con l’autismo. Per scaricare queste attività, per sapere come il tuo bambino può partecipare al Brick Club o per saperne di più su Play Included e il suo lavoro con la LEGO Foundation, visita https://playincluded.com.

I professionisti interessati ad essere formati nel programma Brick-by-Brick possono iscriversi qui per i corsi che partiranno alla fine del 2021.

 



Questo comunicato utilizza un linguaggio autistico-identitario per parlare di autismo: ad esempio, “bambino autistico” invece del linguaggio personale “bambino con autismo”, poiché la ricerca ha dimostrato che la maggior parte degli individui autistici preferisce questa terminologia (Kenny, Hattersley, Molins, Buckley, Povey, e Pellicano, 2015). Tuttavia, riconosciamo esserci una variazione nella terminologia preferita, sia all’interno del gruppo di persone con una diagnosi, che all'interno dei gruppi di genitori/caregiver e operatori. Alcuni genitori possono preferire il termine “bambino nello spettro autistico” e i professionisti spesso usano “persona con autismo” o termini clinici come “disturbo dello spettro autistico” (ASD). Per evitare ripetizioni in questo comunicato abbiamo usato anche “sullo spettro autistico”, che sono stati considerati accettabili da tutti i gruppi.

DATI:

  • Play Included ha formato facilitatori in 40 Paesi, e l’attuale manuale per facilitatori è ora disponibile in sei lingue: inglese, spagnolo, portoghese, cinese semplificato, polacco e italiano. Altre lingue saranno aggiunte all’inizio del 2023. Il progetto sarà un processo imprenditoriale dinamico e co-creato con un focus sulla sostenibilità a lungo termine in cui il supporto della LEGO Foundation permetterà a Play Included di ampliare e approfondire la loro portata nel Paese ed espandersi a più Paesi.
  • Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), circa 1 bambino su 160 è autistico. Molti più bambini hanno difficoltà invece nella comunicazione sociale per altri motivi.
  • Ogni bambino autistico avrà i propri punti di forza e bisogni unici. I bambini autistici possono vedere il mondo da una prospettiva diversa e preziosa, e possono avere notevoli punti di forza che spesso includono l’attenzione ai dettagli e la precisione. Possono mostrare una profonda concentrazione su un’attività di interesse con un approccio metodico e innovativo per trovare soluzioni originali. Molte persone autistiche mostrano un’immaginazione particolare o possono individuare schemi e ripetizioni che ad altri possono sfuggire. Sono spesso molto onesti, accettano le differenze e sono meno propensi a giudicare gli altri. I bambini autistici possono avere un modo naturalmente diverso di comunicare, socializzare e sperimentare il mondo, possono affrontare ostacoli di interazione sociale a causa della mancanza di comprensione sociale della comunicazione autistica. (Play Included; UK National Autistic Society).
  • La ricerca ha dimostrato che le persone autistiche condividono efficacemente le informazioni e costruiscono un rapporto tra loro (Crompton, C.J., e Fletcher-Watson, S., (2020)); tuttavia, possono sorgere sfide tra individui neurotipici e autistici. Queste sfide possono essere dovute alla mancanza di comprensione sociale delle differenze negli stili di comunicazione, quindi, è importante sviluppare la comprensione reciproca e l’accettazione delle differenze tra tutti.
  • La ricerca mostra che le persone autistiche sono a più alto rischio di scarsa salute mentale, solitudine, rifiuto dei pari e isolamento sociale (Kinnear et al. 2015; Bauminger e Kasari 2000; Bauminger et al. 2003). Questo è spesso dovuto alle differenze nel modo in cui le persone autistiche elaborano le informazioni e interagiscono con il mondo. I bambini autistici si impegnano socialmente in modi diversi rispetto ai loro coetanei in sviluppo tipico, e possono non sapere come avviare il gioco cooperativo con loro. Mentre alcuni bambini autistici

trovano conforto nel giocare da soli, queste differenze possono limitare le esperienze del bambino e le opportunità di sviluppare amicizie, relazioni e comprensione sociale.

  • Nel 2021, l’Office for National Statistics del Regno Unito ha pubblicato il rapporto “Outcomes for Disabled People in the UK: 2020” che ha mostrato che le persone autistiche Sono quelle che fanno più fatica a trovare lavoro rispetto a qualsiasi altro gruppo disabile. Solo il 21,7% delle persone autistiche ha un lavoro. Nota, queste statistiche possono variare da paese a Paese.
  • Gli adulti australiani con disturbo dello spettro autistico (ASD) hanno un tasso di occupazione del 42%, rispetto al 53% di tutti gli individui con disabilità, e all'83% degli individui senza disabilità (Australian Bureau of Statistics, 2009, 2010). Allo stesso modo, negli Stati Uniti, il 58% dei giovani adulti (di età compresa tra i 18 e i 25 anni) con ASD ha lavorato a pagamento, e solo il 21% ha un impiego a tempo pieno (Bureau of Labor Statistics, 2013; Roux et al., 2015). Mentre alcune persone autistiche trovano lavoro, molti ricevono una retribuzione inferiore a quella dei loro colleghi in posizioni comparabili, lavorano in posizioni per le quali sono sovraqualificati e finiscono per lavorare a orari ridotti (Howlin et al., 2004; Roux et al., 2015; Shattuck et al., 2012).
  • La fondatrice e direttrice di Play Included, la dottoressa Gina Gomez de la Cuesta, è una psicologa clinica registrata alla HCPC. Gina ha studiato psicologia sperimentale presso l’Università di Oxford e ha fatto un corso di formazione per insegnanti PGCE prima di completare un dottorato di ricerca presso l’Autism Research Centre, Università di Cambridge e un dottorato in psicologia clinica presso l’Università di East Anglia. Ha lavorato in molti ruoli, compreso quello di Action Research Leader per la National Autistic Society e come psicologa clinica nel NHS. Dal 2018, Gina è stata sostenuta da Cambridge Social Ventures, parte della University of Cambridge Judge Business School. L’hanno sostenuta nel fondare Bricks for Autism (ora conosciuto come Play Included). La missione di Play Included è quella di condividere le migliori pratiche del programma Brick-by-Brick e di permettere ad altri di utilizzare questo programma giocoso ed efficace nelle loro scuole e servizi.
  • La direttrice di Play Included, la dott.ssa Elinor Brett, è una psicologa infantile ed educativa registrata presso l’Health and Care Professions Council. Elinor lavora come psicologa dell’educazione da quando si è qualificata nel 2013, sostenendo bambini con una serie di bisogni educativi speciali nelle scuole. Elinor ha condotto una ricerca sul programma Brick-by-Brick (noto all'epoca come LEGO® Based Therapy) come parte del suo dottorato, in cui ha esplorato i risultati per i bambini che partecipano al programma nelle scuole. Elinor offre formazione ai professionisti dal 2015, e si è unita a Gina come co-direttore di Play Included nel 2018.
  • Play Included si avvale della collaborazione di consulenti autistici retribuiti nello sviluppo e nella sperimentazione delle loro risorse e materiali. Sono in procinto di sviluppare un comitato consultivo completo per garantire che la loro organizzazione, le risorse e i materiali siano compatibili con l’autismo.
  • Il dottor Dan LeGoff, neuropsicologo pediatrico ed esperto nell’uso dei mattoncini LEGO per sostenere i bambini autistici (pioniere del concetto alla base del programma Brick-by-Brick noto come terapia basata sui LEGO), è un ambasciatore e consigliere di Play Included.
  • La dottoressa Jenny Gibson, professore associato e docente senior in psicologia e istruzione nel team di ricerca PEDAL (Play in Education Development and Learning) all’Università di Cambridge è un consigliere di Play Included.
  • Play Included lavora a stretto contatto con la National Autistic Society per rivedere le loro risorse e materiali. La National Autistic Society è il principale ente di beneficenza del Regno Unito per le persone sullo spettro autistico e le loro famiglie. Dal 1962, hanno fornito supporto, guida e consigli, così come campagne per migliorare i diritti, i servizi e le opportunità per aiutare a creare una società che funzioni per le persone autistiche.

 

 

Play Included

Fondata nel 2018, Play Included è la risorsa leader nel programma Brick-by-Brick™, un sistema di apprendimento attraverso il gioco per i giovani che hanno bisogno di supporto per sviluppare la comunicazione sociale, come i giovani dello spettro autistico.

Agisce come un centro di apprendimento, assicurando che i giovani ottengano i migliori risultati attraverso la formazione professionale, le risorse, le partnership e la ricerca. La missione è assicurare che ogni bambino abbia accesso ad esperienze sociali positive e abbia la possibilità di fare amicizia attraverso il gioco.

 

LEGO Foundation

LEGO Foundation mira a ispirare e sviluppare i costruttori di domani, una missione che condivide con il Gruppo LEGO. LEGO Foundation è dedicata alla costruzione di un futuro in cui l’apprendimento attraverso il gioco permetta ai bambini di diventare creativi, impegnati e di imparare per tutta la vita. Il suo lavoro consiste nel ridefinire il gioco e immaginare un nuovo modo di apprendere. In collaborazione con thought leader, influencer, educatori e genitori, LEGO Foundation mira a fornire, ispirare e attivare i campioni del gioco. www.LEGOFoundation.com

 

[1] https://www.autistica.org.uk/downloads/files/Mental-health-autism-E-LEAFLET.pdf

 

Letto 122 volte Ultima modifica il Mercoledì, 31 Marzo 2021 10:43

Contattaci

Vuoi sapere cosa è un LUG!? - Contattaci

Partecipa

Partecipa ai nostri eventi LIVE - Clicca qui

Commenta

Commenta i nostri articoli - Clicca qui

Copyright © 2021 - OrangeteamLug.it è un sito web amatoriale aggiornato sporadicamente dallo staff volontario dell' OrangeTeam. LEGO®, LEGOLAND, LEGO SYSTEM, LEGO TECHNIC, LEGO FACTORY, DUPLO, LEGO PRIMO, LEGO MINDSTORMS, LEGO NXT sono marchi di proprietà di The LEGO Group. Tutti i diritti dei rispettivi proprietari. Powered by Fabio Filippi - Hosting by SOLUTIONS4it.it . Tutti i contenuti delle nostre recensioni, articoli, MOC, tutorial, rappresentano il pensiero degli autori e sono sotto Licenza Creative Common CC BY-NC Licenza Cc-ncLicenza Cc-by