Chi Siamo

Eventi

News

Progetti

Le nostre creazioni

 

OrangeTeam LUG

Un gruppo di appassionati di costruzioni in mattoncini LEGO®, il primo LUG riconosciuto in Toscana

CONTATTACI

Le Nostre Recensioni, Guide e Tutorial

Recensioni, guide, turial, speed building filmati e techiche by OTLUG
Domenica, 28 Febbraio 2021 19:02

VI PIACE IL SET LEGO® 75292 STAR WARS™ THE RAZOR CREST™? DIAMOCI UN'OCCHIATA DA VICINO

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

1023 PEZZI PER IL SET LEGO® 75292 STAR WARS™ THE RAZOR CREST™, LA CANNONIERA DEL CACCIATORE DI TAGLIE DIN DJARIN MEGLIO CONOSCIUTO COME IL MANDALORIANO O MANDO

 Box 01Ci è voluta un po' di pazienza per avere questo set, ma finalmente anche il SET LEGO® 75292 STAR WARS™ THE RAZOR CREST™ è nella mia collezione.

1023 pezzi suddivisi in 6 buste per il SET LEGO® 75292 STAR WARS™ THE RAZOR CREST™, la Cannoniera per eccellenza posseduta da Din Djarin detto Il Mando, protagonista di una delle serie televisive più attese e più apprezzate degli ultimi anni, The Mandalorian appunto.

La storia dice che la nave fosse utilizzata dall'Impero come nave da pattugliamento, finchè non divenne proprietà di Din Djarin, che la utilizzò nel suo lavoro di Cacciatore di Taglie nei territori dell'Orlo Esterno nei primi anni della Nuova Repubblica. La utilizzò anche durante la ricerca di Grogu e della sua specie nel 9 ABY. La Razor Crest è stata distrutta da un singolo colpo sparato dall'incrociatore leggero del Moff Gideon durante una scaramuccia su Tython.

Vediamo adesso un po' più da vicino il SET LEGO® 75292 STAR WARS™ THE RAZOR CREST™.Istruzioni

Non essendo parte della Serie 18+, il design della scatola è standard con una bella immagine del set montato e le minifigs  contenute; anche le istruzioni non riportano note particolari.
All'interno della scatola è inserito, senza alcun tipo di copertura, il vetro trasparente della cabina di pilotaggio, fortunatamente non ha riportato graffi.

Già dalla prima busta si parte con una base solida attraverso l'utilizzo di parecchi pezzi Tecnich, sia brick che liftarm, solidità che permetterà di avere alla fine una stiva molto ampia e un set completamente apribile.

Il "naso" ricreato attraverso l'utilizzo di tile e brick arch 1x3x2 Curved Top in grigio chiaro e scuro, è decisamente fedele all'originale della serie televisiva.
Il tettuccio della cabina di pilotaggio, stampato appositamente per questo set - secondo me lo vedemo utilizzato anche per modelli di aerei - è ben saldo all'abitacolo, ma nello stesso tempo facilmente rimovibile per poter inserire le minifig all'interno.

Open 01Il ponte inferiore è apribile da entrambi i lati, da una parte troviamo una cucccetta, dalla parte opposta l'alloggiamento per riporre i missili rossi. La stiva è decisamente spaziosa, anche se scarna di particolari, con la rampa laterale per la salita passeggeri e quella posteriore di carico; all'interno troviamo i 2 blocchi di carbonite, peccato che siano solo appoggiati senza alcun fermo, all'apertura della stiva normalmente cadono.

Una curiosità: c'è chi dice che uno dei blocchi di carbonite, creato utilizzando un brick 1x2x5 Dark Bluish Gray con adesivo, sia un omaggio a George Lucas; per chi non lo conoscesse, è colui che inventò la Galassia Lontana Lontana. Il secondo blocco è ispirato al personaggio di Mythrol, l'anfibio blu del Capitolo 1.

Nella parte superiore, è stata creata una capsula di salvataggio estraibile che può contenere una minifig. Ai lati della capsula due clip permettono di attivare il meccanismo per sparare i missili rossi.

Ai lati i due motori, inseriti nel corpo centrale della cannoniera attraverso axle e pin; sono veramente notevoli, nonostante l'utilizzo di due grandi adesivi nella parte centrale, la parte di aspirazione e lo scarico dei due motori sono veramente ricchi di dettagli.

  • Particolarmente interessanti sono le minifigs contenuto nel set:
  • Din Djarin vestito della sua armatura senza inserti in Beskar; la testa coperta dal casco è completamente nera proprio per mantenere l'alone di mistero legato al fatto che i Mandaloriani non mostrano mai il viso.
  • The Child, ormai noto a tutti come Baby Yoda, è ovviamente la star sia della serie televisiva che di questo set. Il corpo è il classico utilizzato nei set LEGO City per minifigs da bambini, ma la testa è stata appositamente creata in gomma.Minifig
  • Greef Karga, a capo della Gilda dei Cacciatori di Taglie di cui distribuisce le taglie, è una minifig disponibile solo in questo set. Ottima minifig accurata, con doppia stampa della testa per dare il giusto risalto al suo personaggio, è abbastanza fedele alla serie televisiva.
  • Scout Trooper: dopo tanti anni senza alcuna variazione, finalmente la minifig è stata decisamente migliorata sia nella forma che nelle parti stampate partendo dal SET LEGO® 75238 ACTION BATTLE ENDOR ASSAULT; molto belli i dettagli, abbastanza accurata rispetto all'originale, magari sarebbe risultata migliore con la stampa anche della parte posteriore delle gambe.
  • IG-11, molto somigliante al famoso IG-88, è un droide Cacciatore di Taglie; questa minifig ha una testa esclusiva con fotorecettori rossi e sensori ambientali ed è naturalmente dotato di due fucili blaster.

Data la struttura ampia della fusoliera e la dimensione generale del set, non è facile afferrare la Razor Crest™ per il volo, applicare troppa pressione sui due wedge laterali la cabina di pilotaggio, potrebbe causarne il distacco.

La minifig di Din Djarin è comparsa per la prima volta nel SET LEGO® 75254 STAR WARS AT-ST RAIDER, qui magari avrei gradito trovarlo con l'armatura in Beskar, lo avrei trovato decisamente appropriato.

All'uscita di questo set, ci fu un piccolo problema in Europa sul nome della cannoniera, sembra che Lucasfilm non possedesse il marchio per il nome Razor Crest, quindi il set fu denominato "The Mandalorian™ Bounty Hunter Transport". Come riportato dal sito Stonewars.de, il problema è stato risolto e ora Disney/Lucasfilm è proprietaria del nome Razor Crest™.

DavantiCosa penso io del SET LEGO® 75292 STAR WARS™ THE RAZOR CREST™?
Nel mondo Afol ci sono sicuramente Moc migliori di questo set, ma ricordiamoci che per LEGO® l'importante è che la maggior parte dei set sia alla portata costruttiva di tutti.
Detto questo, già dai primi pezzi si intuisce che il set è solido, facile da costruire, non presenta passaggi difficili e l'esperienza costruttiva è davvero rilassante: mi è piaciuto molto costruirla.
Alla fine avrà una dimensione discreta, grazie ai giusti adesivi avrà un'aria sufficientemente vissuta; da notare l'accurato lavoro di progettazione per rendere il set completamente apribile: grande giocabilità per bambini, ma anche set da collezione per appassionati.
This is the way!!!

Ti aspetto nella mia rubrica I Giovedì della Marghe per raccontarti nuovi e appassionanti set LEGO.
Se ti è piaciuto il mio articolo, la condivisione è la benvenuta ma ti prego di citare sempre la fonte (riferimento Licenza Creative Commons CC BY-ND)

 

 

Letto 213 volte Ultima modifica il Giovedì, 08 Aprile 2021 09:34
Margherita Cavalleri

Da che mi ricordo amo i mattoncini LEGO, quale femmina potevo solo rubare i LEGO ai cugini che fortunati loro erano maschi e potevano giocarci.
Amavo molto case e treni, ma nel lontano 1999 mi fu regalato il mio primo set Star Wars .... amore a prima vista per me che già tanto amavo i film e inizio di una piccola collezione di pezzi legati alla saga Star Wars. 
Ma non mi fermo qui, perchè oltre al nero amo anche Elves e modulari, ma non disdegno quasi nulla, basta che un set attiri la mia attenzione ... insomma tutti i metodi son buoni per spendere in LEGO!!!
Adesso condivido la passione con un figlio che ho cresciuto a pane, LEGO e Star Wars.

Copyright © 2021 - OrangeteamLug.it è un sito web amatoriale aggiornato sporadicamente dallo staff volontario dell' OrangeTeam. LEGO®, LEGOLAND, LEGO SYSTEM, LEGO TECHNIC, LEGO FACTORY, DUPLO, LEGO PRIMO, LEGO MINDSTORMS, LEGO NXT sono marchi di proprietà di The LEGO Group. Tutti i diritti dei rispettivi proprietari. Powered by Fabio Filippi - Hosting by SOLUTIONS4it.it . Tutti i contenuti delle nostre recensioni, articoli, MOC, tutorial, rappresentano il pensiero degli autori e sono sotto Licenza Creative Common CC BY-NC Licenza Cc-ncLicenza Cc-by